domenica 26 giugno 2011

GALLETTE ALLA LIQUIRIZIA


Questa ricetta nasce da una rivisitazione delle "gallettine",  dolce tipico sardo che potete trovare sempre nel mio blog!! Il risultato è un morbido biscotto con un delicato aroma di liquirizia, da accompagnare ad una tazza di the o caffè!

Ingredienti: 
  • 500 gr di farina di grano duro
  • 500 gr di farina 00 di grano tenero
  • 3 tuorli
  • 2 uova 
  • 400 gr di zucchero 
  • 100 gr di strutto
  • 150 gr di latte circa
  • 5 cucchiai di succo di limone
  • Scorza grattuggiata di due limoni
  • 50 gr di polvere di liquirizia pura (per una nota delicata)
  • 2 bustine di vanillina
  • 36 gr di lievito per dolci
  • 20 gr di ammoniaca per dolci
Per finire:
  • 2 albumi 
  • Zucchero semolato q.b.
Procedimento:

Versate in una ciotola le farine, la liquirizia, lo zucchero, la vanillina e miscelate. Aggiungete le uova e i tuorli e lo strutto e iniziate ad impastare a mano o con la foglia dell'impastatrice .

Aggiungete il succo i di limone e gradatamente il latte e continuate ad impastare. 
In ultimo aggiungete il lievito e l'ammoniaca sciolta in qualche cucchiaio di latte. Impastate fino ad ottenere un'impasto morbido come una frolla. 
Dividete la pasta in pezzi ( a seconda di quanti dolci potete infornare alla volta) e sistemateli in frigo avvolti nella pellicola trasparente.
Stendete un pezzo alla volta sul piano spolverato di farina ottenendo una sfoglia spessa 1 cm. 
Ritagliate con tagliapasta tondo da 6 cm di diametro (o con altra forma ). Spennellate i biscotti con albume sbattuto e "tuffateli" a testa in giù in un piatto contenente zucchero. 
Sistemate i biscotti in teglie foderate di carta da forno lasciando 3 cm di distanza tra un biscotto e l'altro.
Cuocete a 180°C per circa 15 minuti . 

P.S. Il gusto di liquirizia è molto delicato!! Se volete un sapore più intenso aumentate a 60 gr la liquirizia!!

sabato 25 giugno 2011

ECCO LA VINCITRICE DI COOK WITH MY ART

Si è concluso il mio primo contest "Cook with my art" e oggi sono lieto di annunciarvi la vincitrice.
Devo dire con molto rammarico che i partecipanti sono stati davvero pochi ed effittivamente non è stato raggiunto in pieno  l'obiettivo prefissato e cioè quello di far provare la mia cucina..!!!
Forse il fatto di non aver offerto come premio costose forniture per la cucina può avere influito...o forse no!
Spero comunque che ci sia più partecipazione in futuro!!
Ma adesso veniamo alla vincitrice....
Dopo aver valutato le foto dei partecipanti attribuendo un valore ad ogni criterio stabilito dal regolamento, la persona che ha totalizzato il punteggio più alto è Alessandra Dammone del blog :
http://piccolapasticceriasperimentale.blogspot.com/ con il mio cheesecake ai frutti di bosco!
Qui sotto potete vedere il dolce preparato da Alessandra a cui vanno i miei complimenti!! 


Fra pochi gg Alessandra riceverà in premio una mia kokedama confezionata ad hoc per lei!! 
Vi ringrazio tutti e vi do appuntamento alla prossima ricetta!!!

mercoledì 22 giugno 2011

PAO DE DEU - BRIOCHES PORTOGHESI ALLA NOCE DI COCCO


Qualche giorno fa la mia Elena ha comprato una noce di cocco...
Il cocco è uno di quei frutti che qualche volta si desidera ma di cui non si possono fare grandi scorpacciate...
Per questo ho deciso di trasformarlo in un bel dolcetto... e non potevo certo preparare i classici dolcetti al cocco!!! 
Ho fatto una ricerca approfondita e ho trovato queste spendide brioches portoghesi! Tra le tante ricette ho poi creato questa...la mia!!!
Essendo un lievitato ho ridotto al limite la quantità di lievito di birra aumentando le ore di lievitazione e facendo una lievitazione lenta nel frigo per far si che l'impasto si arricchisse ancora di più. Ho aumentato la dose di burro, le uova, e insaporito la crema di copertura.

Ingredienti per 18 Pao de deu:
  • 600 gr di farina  manitoba da supermercato
  • 4 uova
  • 70 gr di zucchero
  • 200 gr di burro
  • 180 gr di latte tiepido
  • 3 cucchiai acqua di cocco (potete ometetterli se volete)
  • 4 gr di lievito di birra fresco
  • 1 bacello di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
Per la copertura:
  • 150/160 gr di cocco fresco grattugiato (1 noce di cocco piccola)
  • 130 gr di zucchero
  • 2 uova piccole
  • 2 bustine di vanillina
  • La scorza grattata di un limone
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
Procedimento:

Sciogliete il lievito in poco latte tiepido .
Versate nella ciotola dell'inpastatrice la farina, le uova, lo zucchero e il latte con il lievito e impastate con il gancio. Fate amalgamare per bene gli ingredienti e sempre impastando inserite gradatamente il latte (regolatevi in base alla consistenza della pasta), il sale e la vaniglia (i semi raschiati dal bacello).
Impastate a lungo a velocità 2 fino a che l'impasto non sarà risultato elastico e si stacchera per bene dalle pareti. 
Aggiungete il burro morbido a più riprese sempre impastando e facendo assorbire per bene tra una ripresa e l'altra. 
Una volta incorporato tutto il burro impastate ancora fino ad incordare bene la pasta. 
P.S. Attenzione a non scaldare la pasta eccessivamente!! Toccate la pasta con la mano  e se risulta tiepida fermatevi e passatela in frigo per qualche minuto prima di completare l'impasto.

Quando l'impasto sarà pronto ribarltatelo sul piano unto di burro e sbattettelo qualche volta richiudendolo su se stesso. Ripetete alcune volte e chiudete a palla.
Sistemate l'impasto dentro una ciotola capiente e spennellatelo di burro. Coprite con la pellicola e lasciate 40minuti/1 ora a temp ambiente .
Riponete la ciotola in frigo per 12 ore.

Superate le 12 ore togliete la ciotola dal figo e attendete 90 minuti circa perchè la pasta torni a temp ambiente.
Quando sarà tornata morbida ribaltatela sul piano (sempre spennellato di burro) e date due pieghe a 3 (Allargate la pasta con le mani e chiudete un lato verso il centro. Fate la stessa cosa con l'altro lato sovrapponendolo al primo ...otterrete 3 lembi di pasta !! Questa è la piega a 3!! Ripetetela 2 volte!)

Coprite per bene e lasciate riposare per 30 minuti circa.
Dividete la pasta in pezzi da 70 gr l'uno.
Sul piano unto di burro prendete un pezzo di pasta per volta e portate gli angoli verso il centro premendo un poco. Ribaltate sul piano e "Pirlate" la pagnotta facendo roteare con il taglio della mano sul piano in modo che si chiuda per bene sotto.
Sistemate su carta da forno e lasciate lievitare coperti con un telo di cellophane per 1 ora circa ( o comunque quansi al raddoppio)
Nel frattempo preparate la copertura :
Lavorate leggermente le uova con lo zucchero , aggiungete la vanillina e la scorza di limone. Aggiungete il cocco e la fecola e mescolate epr bene fino ad ottenere un composto omogeneo abbastanza sodo.
Quando i panetti saranno lievitati scopriteli e fate formare una pelliccina esterna per qualche minuto.
Sistemate 2 cucchiaini (circa) di copertura su ogni panetto (appena prima di infornarlo) e spennellate il resto della brioches con un l'uovo intero sbattuto con pochissimo latte.
Infornate a 180/200° C per 20/30 minuti  (regolatevi a seconda del forno). Togliete dal forno e una volta freddi spolverate di zucchero a velo.
Rimangono morbidi 1 gg se chiusi dentro una bustina !! Vi consiglio comunque sempre che non li consumiate subito di congelarli e scongelarli qualche minuto prima della colazione!!!



martedì 21 giugno 2011

BANANA CAKE CON CROCCANTE ALLE MANDORLE

Voglia di dolci alla frutta, di dolci semplici da colazione...
Ingredienti per 4 cake piccoli:
  • 250 gr di farina 00
  • 300 gr di croccante alle mandorle (integrale) tritato finemente
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 10 gr di lievito per dolci
  • 350 gr di banane frullate
  • 2 uova
  • il succo di 1/2 limone piccolo
  • La scorza di 1 limone
  • 20 gr di rum
  • Mandorle filetti
Procedimento:
Versate in una ciotola tutti gli ingredienti secchi e miscelateli. In un'altra ciotola mescolate tutti gli ingredienti umidi e frullate leggermete con la frusta a mano. Versate la miscela umida nella ciotola con gli ingredienti secchi e mescolate con un cucchiaio amalgamando in modo grossolano.
Dividete il composto negli stampi da plum cake di carta o metallo (dovete riempirli per 3/4) spolverate di mandorle e infornate a 180° per 30 minuti circa (fate prova stecchino).
Spegnete il forno e lasciate freddare per qualche minuto con lo sportello aperto. Togliete dal forno e lasciate freddare completamente.
Prima di servire spolverate di zucchero a velo!!!

domenica 19 giugno 2011

ALKERMES


Finalmente dopo un pò di tempo dall'inizio della preparazione vi presento l'alkermes. Questo buonissimo liquore usato come bagna per molti dolci (tra i più famosi la zuppa inglese) si trova facilmente al supermercato (oggi solo con colorante e aromi)  ma il suo aroma non ha nulla a che vedere con l'alkermes preparato in casa con questa ricetta!!!
Un colore fixia intenso (dato dalla cocciniglia) e un profumo avvolgente di spezie rimandano a tempi lontani!!
 Per presentarlo ho preparato un bicchiere di ghiaccio con spezie incastonate, caviale di alkermes e aria di alkermes (tutta cucina molecolare).
La ricetta l'ho presa sul web da Nanni.

Ingredienti:
Per l'infuso

  • 10 gr di cannella in stecche 
  • 10 gr di coriandolo
  • 3 gr di macis intero 
  • 5 gr di scorza di arancia secca
  • 3 grammi di anice stellato (stelle)
  • 10 bacche di cardamomo verde
  • 4 chiodi di garofano
  • 1/2 bacello di vaniglia
  • 10 gr di cocciniglia
  • 600 gr di alcool puro a 95°
  • 300 gr di acqua
Per lo sciroppo e aromatizzare:

  • 600 gr di zucchero
  • 500 gr di acqua
  • 100 gr di acqua di rose
Procedimento:

Pestate tutte le spezie e la cocciniglia in un mortaio, versatele in un barattolo ermetico capiente e copritele con l'alcool e l'acqua. Chiudete il barattolo e agitate per bene. Sistemate il barattolo in un luogo buio e fresco e ricordate di agitarlo almeno 2 volte al giorno (io lo agitavo ogni volta che ci passavo vicino...)
Lasciate in infusione per 2 settimane (io ne ho fatte passare 3).
Superate le 2 settimane preparate uno sciroppo a freddo con lo zucchero e l'acqua, aggiungetelo al'infuso di spezie, chiudete il barattolo e agitate.
Lasciate in infusione per altre 24 ore (io ho fatto passsare 3 gg).
Superate le 24 ore filtrate lo sciroppo prima con un colino e poi con un filtro di carta per liquori o in sostituzione un panno di lino (nuovo).
Se utilizzate il filtro di carta apritelo e sistematelo in una ciotola capiente, fermatelo ai bordi con un eleastico o con delle mollette e versate il liquore. Lasciate che il liquore scenda lentamente (ci metterà alcune ore).
Se utilizzate il panno di lino ripetete l'operazione per 3 volte sciaquando e strizzando il telo ad ogni passaggio.
Aromatizzate il liquorecon l'acqua di rose e imbottigliate!!

POLPETTINE DI MELANZANE


Morbide polpettine dal sapore intenso di melanzane e profumo di menta.

Ingredienti:
  • 5 melanzane medie
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 3 uova
  • 2 fette di pane ammollato (e strizzato) nel latte
  • 4-5 cucchiai abbondanti di pan grattato
  • 1 cucchiaio di menta (essiccata)
  • 1 pizzico di zenzero in polvere
  • Sale
  • Peperoncino
Procedimento:

Lavate e tagliate a metà per il senso della lunghezza le melanzane. Incidete a "grata", salate la superficie e fate scolare dall'acqua di vegetazione in uno scolapasta per alcune ore.
Sistemate le melanzane in un teglia foderata, e fatele cuocere in forno per 30-40 minuti circa.
Toglietele dal forno e lasciatele freddare per bene.
Quando saranno fredda tritatele nel mixer insieme al pane, prezzemolo, menta, sale, peperoncino (in modo non troppo sottile).
Versate la pasta di melanzane in una ciotola e aggiungete le uova e il pan grattato e mescolate fino a ottenere un impasto non troppo morbido.
Coprite e lasciate riposare in frigo per 1 ora circa.
Prelevate dal frifo e preparate delle piccole polpettine che passerete nel pan grattato e friggerete nell'olio caldo.
Servite calde!!

martedì 14 giugno 2011

PISTOCCHEDDUS PRENU


Oggi vi presento questi meravigliosi dolcetti sardi . Sono dei "biscotti" fatti con una sfoglia sottilile e croccante che racchiude un interno morbido di pasta di mandorle profumata al limone e fior d'arancio. Non sono molto difficili da eseguire ma il procedimento è abbastanza lungo  se considerate che viene fatto tutto completamente a mano!



Ingredienti per 145 pistoccheddu circa:
Per la pasta:
  • 800 gr di farina 00
  • 7 tuorli
  • 3 uova intere (io ne ho usato 4 ma dipende dalla farina usata)
  • 50 gr di zucchero
  • 60 gr di strutto
  • La scorza grattata di 1 limone
Per la pasta di mandorle:
  • 500 gr di mandorle
  • 500 gr di zucchero
  • 250 ml di acqua
  • 1 bustina di vanillina
  • La scorza grattata di limone
  • 1 cucchiaio di acqua di fior d'arancio
  • Liquore strega
Per la glassa: 
  • Albume q.b. (4-5 albumi circa 200 gr)
  • 400/500 gr di zucchero a velo
Per finire:
  • Fiori di zucchero, foglioline (fateli a mano. Quelli in foto sono fatti di classica pasta di zucchero ma tradizionalmente si utilizza una pasta fatta con zucchero a velo e gomma adragante.)
  • Sferici argento
  • Foglia oro
Procedimento:

Preparate la pasta di mandorle:

Tritate finemente le mandorle e passatele al settaccio sottile fino ad ottenere una farina fine. 
Fate cuocere lo zucchero con l'acqua e il fior d'arancio fino a 118/120 °C.
Quando lo sciroppo avrà raggiunto la temperatura versate la farina di mandorle e mescolate per bene a fuoco basso facendo addensare leggermente. Togliete dal fuoco e aggiungete la vanillina, la scorza di limone e 1 cucchiaio di liquore. 
Lasciate intiepidire e rovesciate sul piano. Impastate come per fare la pasta e se necessario inumidite con acqua. 
Preparate con la pasta di mandorle dei lunghi filoni spessi1-1,5 cm di diametro e dividetelo in tanti piccoli cilindretti lunghi 6 cm. Sistemate i cilindretti di pasta in un cassoio e copriteli con pellicola trasparente in modo che non si asciughino.

Preparate la pasta:

Lavorate le uova con lo zucchero e lo strutto fuso e la scorza. Aggiungete la farina e impastate fino ad ottenere una pasta della consistenza della pasta fresca (non troppo dura). Lasciatela riposare 30 minuti almeno. 
Stendete la sfoglia in modo sottile (penultimo numero della sfogliatrice) e sistematela con la larghezza di fronte a voi. Copritela con della pellicola trasparente e lasciate scoperto solo 5 cm circa ( in questo modo non si seccherà). 
Sistemate sul bordo un cilindretto di pasta di mandorle e arrotolate la sfoglia su di esso avvolgendolo completamente. Spennellate con poco albume d'uovo sbattuto e chiudete sovrapponendo la sfoglia per circa 1 centimetro. Tagliate la sfoglia in eccesso e fate rotolare il pistoccheddu sul piano chiudendo e assottigliando le estremità fino a renderle spesse 3 mm circa. GUARDATE IL FILMATO QUI SOTTO!!



Date la forma al pistoccheddu tagliando le estremità con le forbici o con il coltello (le forme utilizzate sono il cuore, i cuori intrecciati, le lettere, il ferro di cavallo ecc). Sistemate i dolcetti su teglia ricoperte di carta da forno e infornate a 180 °C per 20 minuti circa (o comunque fino a che sono ben dorati).
Sfornateli e lasciateli freddare.

Preparate la glassa :

Versate lo zucchero a velo setacciato in una ciotola e aggiungete gradatamente l'albume mescolando con un cucchiaio. Non aggiungete da subito tutto l'albume ma regolatevi secondo la conistenza. Aggiungete 1-2 cucchiai di succo di limone e mescolate. Dovrete ottenere una glassa liscia e abbastanza densa e coprente.
Immergete i dolcetti ad uno ad uno a testa in giù nella glassa, Sollevateli con le dita e girateli. Fate colare la glassa in eccesso dalle parti interne con uno stecco da gelato (consiglio di Anna Maria). Sistemateli su carta forno e prima di aggiungere le roselline e gli sferici attendete qualche minuto in modo da fare "fermare" la glassa..
Decorate con i fior, foglioline e sferici argento.
Lasciate asciugare per circa 6 ore circa. Quando saranno asciutti completate le decorazioni aggiungendo la foglia oro (con un piccolo pennello inumidito ) e decori in glassa (leggermente montata).

venerdì 10 giugno 2011

FIORE DELLE ISOLE - Alain Ducasse




Finalmente riesco a presentarvi questa torta stupenda. La ricetta è del mitico Alain Ducasse anche se è leggermente modificata sia per forma (lui prevede fette monoporzioni) che per glassatura. E' una torta molto buona e con un sapore estivo!!
  Per una torta da 32 cm di diametro!!

Babà al rum e bagna che trovate QUI!!!

Decquoise alla noce di cocco:
  • 150 gr di albumi
  • 50 gr di zucchero
  • 100 gr di farina di cocco
  • 125 gr di zucchero a velo
  • 25 gr di farina di mandorle
Mousse cocktail:
  • 500 gr di polpa coktail (vedi sotto)
  • 12 gr di gelatina
  • 200 gr di meringa all'italiana
  • 300 ml di panna
  • 10 ml di rum
  • Pepe bianco Q.B
Polpa cocktail:
  • 100 gr di mango 
  • 150 gr di frutto della passione
  • 100 gr di guaiava (che io ho sostituito con la papaia)
  • 100 gr di banana
  • 50 gr di lamponi
Mousse al cocco:
  • 400 gr di polpa di noce di cocco frullata 
  • 15 gr di gelatina (ducasse indica 5 fogli di gelatina....ditemi se ha un senso dato che esistono di vari pesi! io ho ipotizzato fossero da 3 gr ciascuna ed effettivamente è una giusta dose)
  • 150 gr di meringa all'italiana (vedi dopo)
  • 300 ml di panna
Meringa all'italiana:
  • 175 gr di albumi montanti a neve
  • 200 gr di zucchero semolato
Per la glassa a specchio:
  • 312 gr di cioccolato bianco
  • 375 gr di panna
  • 9 gr di gelatina
Per la finitura :
  • Decorazioni di cioccolato bianco (fatte con cioccolato bianco temperato )
  • Frutta fresca
  • Gelatina neutra

Procediemento:


Preparate la Decquoise al cocco:

Setacciate le farine e lo zucchero a velo. Montate gli albumi a neve e aggiungete lo zucchero semolato continuando a montare. Incorporate delicatamente dal basso verso l'alto la miscela di farina e zucchero a velo.
Versate il composto in una placca da forno rivestita di silpat (o carta forno) di 40X40 (ducasse indica 40X60 ma io ho usato 40 X40 e la dacquoise è venuta spessa meno di 1 cm). Livellate la superficie e infornate a 170° fino a che la superficie non sarà ben dorata. Toglietela dal forno e spolveratela immediatamente di farina di cocco.
Quando sarà fredda tagliatela a dimensione della torta che farete.

Preparazione della meringa all'italiana:

Versate lo zucchero in un pentolino e copritelo di acqua (in misura di circa 2 cm sopra il livello dello zucchero). Portate il pentolino sul fuoco e fate cuocere fino al raggiungimento di 120 °C.
Nel frattempo montate gli albumi a neve ben ferma.
Quando lo sciroppo avrà raggiunto la temperatura versatelo a filo negli albumi (con la frusta ad alta velocità) fino ad incorporarlo tutto. Fate lavorare la frusta per alcuni minuti fino a rendere la meringa ben bianca e soda.

Pesate quella che vi serve per le due mousse e mettetela da parte coperta con pellicola trasparente.

Preparate la mousse al cocco: 

Fate rinvenire la gelatina in acqua fredda. Montate la panna a chantilly (morbida) e tenete da parte.
Prelevate parte della polpa di noce di cocco e aggiungeteci la gelatina. Fate sciogliere a fuoco lento.
Incorporate la polpa con la gelatina al resto della frutta e aggiungete senza smontare la meringa fredda e la panna montata. Utilizzate il composto immediatamente.
Preparate la mousse coktail:
Procedete alla stesso modo utilizzando anche il rum e il pepe!!
Preparazione della glassa a specchio bianca:

Fate rinvenire la gelatina in acqua fredda. Portate a bollore la panna e dopo averla tolta dal fuoco aggiungeteci il cioccolato bianco spezzettato e la gelatina. Mescolate per bene fino a che il composto non sarà liscio e omogeneo. Lasciate freddare ed utilizzate a 35 /37 °C.

Composizione del dolce.

Prendete un piatto in cartone dorato per dolci di diametro 32 e inseritelo dentro un anello per dolci della stessa misura rivestito con una striscia di acetato (è utilizzimo l'anello estensibile). 
Sistemate alla base del la dacquoise ritagliata a misura. 
Versate la mousse al cocco e livellate la superficie. Adagiateci sopra i babà ( privati della "testa") ben strizzati (seguendo il perimetro della torta). Sistemate in freezer per qualche ora.
Prelevate la torta dal freezer e versate la mousse coktail , livellate per bene e sistemate nuovamente in freezer fino a che non sarà congelata completamente (anche 12 ore).
Quando la torta sarà congelata prelevatela dal freezer e rimuovete l'anello e l'acetato. 
Pulitela da eventuali sbavature con una spatola e sistematela su una gratella con sotto una grande tortiera.
Glassatela con la glassa specchio a 35/37 ° C . Lasciate rassodare in frigo qualche minuto e ripetete l'operazione fino a renderla completamente bianca (almeno 2 glassature).
Quando sarà bianca sistematela su un piatto da dolce (con scanalatura interna) e decoratela con le reti di cioccolato bianco sui bordi e con frutta fresca lucidata con gelatina neutra .
Ducasse prevedeva effetto velluto al cioccolato bianco (impossibile da fare in casa ...) e gelatina alla frutta.




Io l'ho decorata con il cioccolato, la frutta fresca e un mango con tecnica curving e il babà!




domenica 5 giugno 2011

PITA non PITA con cipolla e pancetta..




L'altra sera in preda alla fame e alla voglia di qualche cosa di sfizioso, leggermente orientale ho pensato di preparare queste pite arrotolate partendo da una ricetta già pubblicata del pane Naan e aggiungendo le spezie, e la farcitura ed eliminando il lievito! Risultato...delle chiocciole molto saporite che possono essere mangiate da sole o per accompagnare un pasto!!

Ingredienti per 2 pite da 30 cm di diametro circa:

Per la pasta:
  • 100 gr di farina di kamut
  • 300 di farina 00 o 0
  • 150 gr di yogurt greco
  • 150 gr di acqua circa
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • Curcuma q.b.
Per la farcia:
  • 2 cipolle dorate
  • 100 gr di pancetta
  • 2 pomodori secchi
  • 30 gr di strutto
  • sale
  • pepe
  • 50 gr di formaggio grattugiato
  • Strutto q.b. (da spalmare su la sfoglia)
Per finire:
  • Ghee (burro chiarificato o burro)
Procedimento:

Preparate la pasta impastando tutti gli ingredienti (ad eccezzione del sale) a mano o con l'impastatrice aggiungendo pian piano l'acqua tiepida. Impastate fino ad ottenere un impasto elastico e più o meno come quello della pasta fresca, aggiungete il sale e lasciate riposare 30 minuti coperto da pellicola traparente.
Preparate la farcia:
Tritate la cipolla e apassitela in padella con lo strutto. Riducete la pancetta in piccolissimi pezzetti e aggiungetela alla cipolla. Quando tutto sarà stufato per bene prelevate dal fuoco e fate freddare. Aggiungete il formaggio e mescolate e tenete da parte.

Pesate e dividete in 2 pezzi la pasta. Stendetela con la sfogliatrice lavorandola più volte fino ad arrivare a formare una lunga sfoglia spessa 2 mm circa e larga quando il rullo della sfogliatirce.
Adagiate la sfoglia sul piano leggermente infarinato e con l'aiuto del mattarello "allargatela" ancora fino ad arrivare ad una larghezza di 20-22 cm. Spennellate la sfoglia di strutto fuso e sistemate metà della farcia sul bordo esterno per tutta la lunghezza della sfoglia.
Iniziate ad arrotolare la sfoglia sopra il ripieno ed arrotolate (stringendo un poco) fino ad ottenere un lungo filone spesso circa 2,5-3 cm.
Una volta pronto il filone spennellatelo di strutto e arrotolatelo su se stesso in modo abbastanza stretto formando una grossa chiocciola. Chiudetela dentro la pellicola trasparente e fatela riposare in frigo per 30 minuti o in freezer per 15 minuti.

Sistemate alla base del forno una crepiera o piastra liscia senza manico e accendetelo portandolo al massimo .
Prelevate le chiocciole dal frigo, e stendetele con il mattarello sul piano infarinato fino ad uno spessore di circa 5-7 mm. Spostate una pita su un grande piatto infarinato e fatela scivolare sulla piastra (nel forno).
Lasciate cuocere sempre al massimo per 5-7 minuti massimo. Spennellate la superficie con strutto fuso e ribaltatela,  lasciate cuocere ancora fino a che anche il fondo sarà cotto.
Prelevate dal forno e spennelatela di ghee o di burro. Servite calda!

Procedete allo stesso modo anche per l'altra pita.

giovedì 2 giugno 2011

GALLETTINAS (BISCOTTO SARDO)




Vi ricordo che il mio contest culinario scadrà il 30 giugno 2011. Potete visionare il regolamento QUI!!!
Ecco le diffussime gallettine sarde! Hanno accompagnato la mia infanzia e forse troppo in ritardo mi sono accorto che non avevo ancora presentato la ricetta! Sono dei biscotti molto soffici, fragranti che si sciolgono in bocca e si accompagnano con tutto! Li potete utilizzare anche per preparare la zuppa inglese o il tiramisù!!
Ingredienti:
  • 1 kg di farina fiore sardo di grano duro ( iltimamente sostituita con grano tenero 00)
  • 100 gr di strutto a temp. ambiente
  • 400 gr di zucchero
  • La scorza grattata di 2 limoni e 1 arancia
  • 250 gr di latte intero
  • 5 uova
  • 2 bustine di lievito per dolci
  • 25 gr di ammoniaca per dolci
Per la finitura :
  • 2 albumi
  • Zucchero semolato Q.B.
Procedimento:
Miscelate tutti gli ingredienti ad eccezione dell'amoniaca e del lievito dentro una ciotola. Aggiungete gradatamente il latte ed impastate (conservate poco latte per sciogliere l'ammoniaca). Quando la pasta sarà ben amalgamata aggiungete il latte con l'ammoniaca e il lievito e impastate ancora. Dovrete ottenere un'impasto simile alla frolla ma molto più morbido ( se necessario aggiungete qualche cucchiaio di latte)!!
Lasciate riposare la pasta una decina di minuti e procedete alla formatura.
Spolverate il piano con abbondante farina e stendete la pasta ad uno spessore di 8-10 mm. Tagliate le gallettine con il tagliapasta (l'originale è a forma rettangolare con le estremità semicircolari).
Spalmate con poco albume la superficie del biscotto e ribaltatelo nello zucchero (facendo attenzione che lo zucchero non sporchi anche la parte priva di albume), prendetelo e sistematelo su una placca da forno foderata di carta forno.
Procedete allo stesso modo fino ad aver concluso la pasta.
Infornate a 180 °C forno statico per circa 15- 20 minuti (regolatevi a secondo del forno).
Dovrete ottenere dei biscotti gonfi e abbastanza larghi e leggermete dorati in superficie.
Lasciateli freddare e conservate in barattolo di latta o chiusi in un sacchetto.

REVITHOKEFTEDES - POLPETTE DI CECI GRECHE

Vi ricordo che il mio contest culinario visibile QUI sarà aperto fino al gg 30 giugno 2011!!!
Queste polpette di ceci sono molto simili alle Falafel (pubblicate in precedenza) ..Si differenziano per le spezie usate e per parte della lavorazione.
Ingredienti:
  • 500 gr di ceci secchi
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 20-25 foglie di menta fresca
  • 1 mazzetto di origano fresco o 1 cucchiaio di origano secco
  • 1/2 spicchio d'aglio
  • 1 cipolla
  • Sale
  • Pepe
  • 1 pizzico di cumino in polvere
  • 4 cucchiai circa di farina (meglio se di ceci)
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Per la salsa zazichi:

  • 400 gr di yogurt greco
  • 1 citriolo
  • 2 spicchi di aglio
  • Aneto
  • sale
  • pepe

Procedimento:

Mettete a bagno i ceci con del bicarbonato per 20-24 ore (cambiando spesso l'acqua).

Spucciateli a mano e sbollentateli per 5-10 minuti max in acqua calda salata.

P.S. Potete anche sbucciarli dopo averli lessati....

Lasciateli freddare per bene e tritateli insieme a tutti gli altri ingredienti (tranne la farina e il bicarbonato) aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura fino ad ottenere una crema abbastanza grossolana.

Versate il composto in una ciotola e aggiungete un poco di farina per renderlo leggermente più sodo. Coprite la ciotola e lasciate riposare in frigo per 1 ora.

Nel frattempo preparate la salsa:

Tritate l'aglio, l'aneto, e riducete il citriolo privato della buccia in piccoli pezzetti. Mescolate il trito con lo yogurt e aggiungete il sale e il pepe. Sistemate in frigo fino al momento dell'utilizzo.

Prelevate la ciotola l'impasto dal frigo e aggiungete il bicarbonato di sodio e mescolate.

Preparate delle polpette (tonde o allungate) e friggetele in olio caldo (non troppo caldo). Una volta tuffate nell'olio fatele roteare di continuo con l'aiuto di un mestolo (in questo modo cuoceranno in modo uniforme). Scolatele su carta assorbente quando avranno assunto un colore dorato-bruno.

Servitele calde accompagnate dalla salsa e da ferdura fresca.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget