martedì 8 febbraio 2011

ARRUBIOLUS - FRITTI DI FORMAGGIO





Ecco altri fritti di carnevale. Questi sono dei dolci sardi che assumono vari nomi a seconda della zona della sardegna. Sono delicatissime frittelline di formaggio profumate allo zafferano e agrumi.
La radice della parola che indica questo dolce è "rosso" e questo deriva probabilmete dai tuorli, dallo zafferano e dall'arancia.
Una volta fritti questi dolci possono essere finiti in vari modi...
potete decidere di passarli nello zucchero semolato e spolverarli di zucchero a velo, passarli miele caldo, nella sapa di mosto calda, o ancora nella sapa di miele.
Ingredienti per 70 frittelline circa:
  • 400 gr di ricotta di pecora (già privata di siero)
  • 300 gr di formaggio fresco pecorino non salato (e inacidito leggermente)
  • 4 tuorli d'uovo
  • 120 gr di zucchero
  • 220 gr di semola rimacinata (circa)
  • 2 bustine di zafferano
  • 4 gr di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di 3 arance
  • la scorza grattugiata di 2 limoni
  • 1 pizzico di sale
Per la glassatura :
  • 450 gr di miele millefiori
  • la scorza intera di 3 arance
Procedimento:
La sera prima avvolgete la ricotta in un panno pulito e mettetela nel frigo in modo da asciugarla per bene (usate almeno 430 gr di ricotta perchè il peso indicato è riferito alla ricotta già asciutta).
Preparate il miele aromatizzato che vi servirà per la glassatura.
Scaldate il miele a fuoco basso con dentro la scorza delle arance spezzettata e lasciate in infusione tutta la notte.
La mattina seguente "grattugiate" la ricotta che sarà ben asciutta e raccoglietela in una ciotola.
Fate la stessa cosa con il formaggio primo sale e unitelo alla ricotta.
Aggiungete lo zucchero ai formaggi e lavorate con la frusta dell'impastatrice o a mano per alcuni minuti fino ad ottenere un composto liscio.
Aggiungete le scorze degli agrumi e le uova e lavorate ancora con la frusta.
In ultimo aggiungete la semola (poco alla volta secondo l'assorbimento) , lo zafferano e il lievito.
Impastate con la foglia per alcuni minuti fino a rendere l'impasto omogeneo, morbido ma sostenuto.
In ultimo aggiungete il sale e amalgamate.
Lasciate riposare l'imnpasto nella ciotola per 30 minuti almeno.
Superato il riposo prelevate piccoli pezzi di impasto con il cucchiaino e formate delle polpettine ( che dovranno leggermente sedersi) della dimensione di una piccola noce.
Passatele nella semola rimacinata e sistemate in un piatto. Una volta che le avrete preparate tutte accendete l'olio e portatelo a 170 °C .
Abbassate il gas e tuffate i dolcetti nell'olio. Una volta che le frittelline salgono in superficie rigirarle di continuo con una spumarola fino a che non assumeranno un colore arancio bruno come potete vedere in foto!.
Scolate su carta assorbente e procedete allo stesso modo per tutti i dolcetti.
Una volta freddi preparate la glassatura.
Scaldate il miele che avevate preparato la sera prima ed eliminate la scorza d'arancia.
Versatelo in una pentola larga e quando sarà ben caldo tuffateci pochi arrubiolus alla volta. Rigirateli in modo da glassarli completamente e toglieteli con una spumarola sistemandoli in un piatto largo senza sovrapporle.
Procedete allo stesso modo glassando tutti gli arrubiolus e per una glassatura migliore lasciateli riposare 15 minuti e glassateli allo stesso modo per la 2° volta sempre nel miele caldo avanzato.
I valori nutrizionali si riferiscono ad ogni arrobiolus dopo la frittura.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Questa ricetta è stata anche realizzata da Benedetta Parodi nel "Menù di Benedetta" su la7 puntata 16 Aprile 2013 visibile nel video linkato qui sotto al 18° minuto. 

http://www.youtube.com/watch?v=LVCCq2txkas

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

6 commenti:

Erica ha detto...

Ciao Roberto, piacere di conoscere te ed il tuo blog :)
mi piace davvero un sacco, questa ricetta è davvero bella, mi piacciono le ricette tradizionali :)
posso chiederti cos'è la sapa?
la sapa di mosto è tipo il vincotto che si fa con il mosto? :D
ti ringrazi, intanto mi aggiungo molto volentieri ai tuoi lettori :D

ROBERTO ha detto...

Ciao Erica piacere mio :-)
Si la sapa è il mosto di vino che viene fatto cuocere per moltissime ore con aggiunta di spezie fino a che non raggiunge una consistenza liquorosa! é molto usato nella tradizione sarda , infatti è alla base di molti dolci!
Grazie mille
ciao ciao

Erica ha detto...

:D ecco, avevo capito, allora :) lo fa mia nonna partendo dal mosto ed aggiungendo cenere... un procedmento strano... poi lo schiuma, dice che serve per togliere l'acido del mosto... bah.. lei è pantesca, quindi lo farà in modo diverso, ma sò per certo che è ottimo :) grazie per la risposta tempestivissima !!! ;)

p.s. te lo scrivo qui, così non ti riempio il blog di commenti, la ricetta dei ravioli alle mandorle è fantastica!!!!

ROBERTO ha detto...

E si credo che siano simili!
Prego!!
P.S leggi nella colonna al lato i commenti alimentano il mio blog:-)
Più sono meglio è :-)

Barbara ha detto...

Ciao! Queste frittelle le ho assaggiate oggi in un ristorante di Tonara, sono deliziose! Troppo contenta di aver trovato subito la ricetta, proverò a farle al più presto :)

Acasadiross ha detto...

Non li conoscevo, devono essere buonissimi. Li preparerò sicuramente il prossimo carnevale. Grazie per la ricetta e complimenti per il blog, per il tuo lavoro e la tua bravura e passione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget