sabato 30 gennaio 2010

FRITTURA ARABA CON RICOTTA



Da non confondere con le classiche Tzipulas Sarde tradizionali!!


Ingredienti:
  • 1 kg di farina manitoba (supermercato)
  • 400 gr di ricotta
  • 650 / 750 gr di latte tiepido
  • 50 gr di vodka
  • 25 gr di zucchero
  • 25 gr di burro morbido
  • 3 uova
  • 15 gr di sale
  • 35 gr di lievito di birra fresco
  • 2 bustine di vanillina
  • 5 Arance grattugiate
  • 2 fialette di aroma rum
Procedimento:
Versare nella ciotola dell'impastatrice la ricotta e o zucchero. Lavorate con la frusta fino a renderla cremosa. Aggiungete un poco di latte e lavorate ancora fino ad ottenere una crema densa ma liscia.
Sciogliete il lievito in parte del latte rimasto e aggiungetelo alla "crema" di ricotta.
Versate metà della farina nella ciotola e impastate con la foglia a velocità 1 fino ad avere amalgamato bene. Aggiungete piano piano il latte messo da parte (non mettetelo tutto subito). Aggiungete la farina messa da parte e ancora latte a poco a poco. Impastate a velocità 2 per 10 minuti circa.
Passati i minuti aggiungete una alla volta le uova facendo assorbire bene tra una e l'altra. Versate i 50 gr di vodka, il rum, e la vanillina. Impastate ancora a vel. 2 sempre con la foglia. Se necessario aggiungete ancora latte. Lasciate incordare bene !
Per il latte vi dovete regolare voi in base all'assorbimento della farina...
é probabile che tutto sia troppo ma anche che sia poco. Dovete ottenere un impasto morbido ed allo stesso tempo elastico.
Aggiungete il burro morbido a pezzette a fate assorbire bene. In ultimo aggiungete il sale e la scorza di arancia.
Lasciate impastare a lungo fino a che l'impasto risulterà lucido, perlaceo e si stacchera completamente dai bordi della ciotola.
Una volta ottenuto un impasto elastico e lucido. Coprite la ciotola e lasciatelo lievitare fino al raddoppio.
Quando l'impasto è lievitato. Scaldate l'olio.
Sgonfiate l'impasto con le mai.
Versate un po' di impasto nel sac a poche con beccuccio liscio da circa 1,2 cm di diametro.
Per friggerle procedete in questo modo:
Impugnate in una mano il sac a poche e nell'altra un mestolo di legno.
Inziate a spremere la sacca dal centro e con un movimento circolare spostatevi verso l'esterno ( da centro verso l'esterno) in modo tale da creare una lunga frittella arrotolata a chiocciola. Mentre spremete sistemate l'andamento della spirale con un manico di mestolo facendo in modo che la frittella si arrotoli in modo "stretto".
Mettete poco impasto alla volta nel sac a poche in modo tale che non lieviti al suo interno!!
Fate dorare da una parte e rigiratela facendo dorare anche l'altra parte.
Scolare su carta assorbente e lasciate freddare! Passate nello zucchero semolato.

17 commenti:

terry ha detto...

Davvero bravo!
questa spirale fritta mi piace un sacco!
non ho purtropp l'impastatrice per cimentarmi...ma son sicura non mi verrebbe nulla di così bello!

ROBERTO ha detto...

Grazie terry ma puoi farla anche impastando a mano...è un'impasto molto molle però va lavora a lungo con le mani sbattendo con la mano dal basso verso l'alto!
prova.. :-)

Luciana ha detto...

Complimenti Roberto sono davvero molto belle queste frittelle, io quest'anno ho anche l'apposito imbuto con il manico lungo, dovrebbe andar bene anche per questo impasto, oppure rimane leggermente più consistente e ci vuole la "spinta" del sac a poche?
Voglio provare questa tua versione con la ricotta, davvero stratosferica ;-) ciao a presto!

ROBERTO ha detto...

Grazie luciana! e si l'imbuto ...è l'ideale ma fai un impasto leggermente più idratato! ggiungi un poco di latte in più o magare del succo di arancia! fammi sapere!

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Ma è bellissima questa spirale!!! Proprio oggi parlando con una mia amica mi ha chiesto se conoscevo una ricetta siciliana di pastella fritta con la ricotta...quasi quasi le passo la tua ricetta!!! ;-)
Grazie
Anna Luisa

ROBERTO ha detto...

Grazie anna..! Non è siciliana ma è una rivisitazione della frittura che si fa in sardegna..!!

Lory ha detto...

Ma com'è bello il tuo blog! Sei bravissimo, lo devi far conoscere in giro, sai? Io comunque da oggi sono una tua lettrice fissa.
Buona giornata.

marcella candido cianchetti ha detto...

che bontà buona giornata

ROBERTO ha detto...

grazie mille a tutte!!!

Gianni ha detto...

ti ho conosciuto grazie a Giulia di terra degli ulivi che oggi ha presentato questa tua ricetta. tornerò volentieri, ciao Gianni

ROBERTO ha detto...

Ciao Gianni mi fa piacere anche se non so chi sia Giulia di terra degli olivi :-P o non ricordo...mi dai qualche indizio?

Elena ha detto...

BELLISSIMA CONOSCENZA QUELLA DEL TUO BLOG...RICETTA MERAVIGLIOSA!

itria ha detto...

ho visto annina che le faceva e ho pure scritto la ricetta ..non immaginavo fossi tu! però antonella ti ha invitato a farle in studio se non sbaglio!!!

anna ha detto...

io l'ho vista la puntata...è vero! ricordo che Anna moroni ha nominato Roberto....dai presto in tv!!!!!!!!!!!!!!!uno dei cuochi del cast..

Anonimo ha detto...

Scusa ma la frittura araba non sono quelle palline con la crema dentro?

Aria ha detto...

piacere di conoscerti e seguirti! arrivo dal blog di giulia pignatelli pronta per rifare questa meraviglia di ricetta!!!

Miyu ha detto...

Anch'io voglio farle così ma senza ricotta e burro e con le patate...come le faceva nonna...trovassi una ricetta così :(
però dalle foto sembrano proprio quelle che fanno le nonne con l'imbuto!
Sono una nuova follower, piacere :)

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget