martedì 5 novembre 2013

TOTO', TATU', TETU' SICILIANI





Da una ricetta di Alessia Franco che ho leggermente modificato per quanto riguarda il lievito utilizzato e la quantità di cacao della glassa.
I totò dolcetti tipici Siracusani che si preparano in occazione dei morti. Il nome si pensi derivi dall'abbreviazione del nome Salvatore.
 Una glassa scioglievole racchiude un dolcetto morbido e con intenso aroma di cacao.



Ingredienti :
  • 1 kg di farina 00 
  • 400 g di zucchero
  • 200 g di strutto a temp ambiente
  • 150 g di cacao amaro in polvere
  • 250 g di latte (ne sono serviti quasi 300)
  • 3 uova M intere
  • 20 g di ammoniaca per dolci 
Per la glassa:
  • 700 g di zucchero semolato
  • 75 g di cacao amaro in polvere
  • 200 g di acqua
Procedimento:
Lavorare le uova con lo zucchero fino a scioglierlo, aggiungete tutti gli altri ingredienti e gradualmente il latte, impastate fino ad ottenere una pasta morbida. 

Dividetela in pezzi e con l'aiuto di poca farina tirate dei filoncini spessi 3/4 cm di diametro. Tagliate tanti piccoli tocchetti e date con le mani la forma di piccola pallina della dimensione di una noce (in alternativa lasciate la forma a dischetto leggermente schiacciato).

Sistemate i dolcetti su una teglia foderata di carta forno e infornate a 200°C per 15 minuti circa.
Sfornate e lasciate riposare per qualche ora.

Preparate la glassa:

Miscelate lo zucchero con il cacao, aggiungete l'acqua e portate sul fuoco. Fate cuocere mescolando spesso fino a raggiungere l'ebollizione. Attendete 2 minuti dopo l'ebollizione e spegnete il gas.
Versate una parte di glassa su un piano di marmo/acciaio o in una ciotola di ceramica capiente. Spatolatela per qualche secondo con un tarocco metallico come per temperare il cioccolato. Quando lo sciroppo sarà un pochino più denso prendete alcuni dolcetti e iniziate la glassatura sempre aiutandovi con 2 tarocchi e delicatamente fate in modo che siano completamente ricoperti di glassa.
Sistemate i dolcetti su fogli di carta forno e lasciate asicugare ( asciugano abbastanza in fretta).
Solitamente la glassatura è leggermente più "grossolana" e meno uniforme e questo dipende dalla quantità di dolcetti glassati per volta e dalla densità dello sciroppo nel momento della glassatura.



2 commenti:

Mila ha detto...

SLURP!!!!

DM ha detto...

Grazie! Manco da tanti anni da Siracusa e ho scelto la tua ricetta per fare questi biscotti di cui mi ero quasi dimenticata. Ne ero molto golosa. Sono venuti benissimo. Quelli che io ho mangiato a Siracusa avevano un lieve aroma di garofano, per cui ne ho aggiunto un po'. Ho pero' dovuto sostituire l'ammoniaca che qui negli USA non si trova facilmente. Eccezionali!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget