mercoledì 19 novembre 2008

"STRUDEL" VESTITO A FESTA

Nasce tutto dall'idea di preparare un bello strudel di mele tradizionale. Ma poi ho deciso di trasformarlo in un docetto che conserva impasto e la farcia dello strudel anche se con qualche modifica...Un dolcetto che dicenta un pò più elegante e "pratico". Spero che vi piaccia l'idea...
Ingredienti:
Per la pasta:
  • 400 gr di farina
  • 50 gr di zucchero a velo
  • 100 gr di burro ammorbidito
  • 3 uova
  • 1 pizzico di sale

Per la farcia:

  • 700 gr di mele renette
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 50 gr di marmellata d'arance
  • 70 gr di cioccolato fondente
  • 50 gr di datteri
  • 70 gr di gherigli di noce
  • 3 cucchiai di pan grattato
  • Cannella
Per la glassa:
  • 1 albume
  • 150 gr di zucchero
  • 1/4 di bicchiere d'acqua

Porcediemento:

preparate la pasta lavorando lo zucchero a velo con il burro ammorbidito. Aggiungere la farina e le uova e lavorare fino a rendere la pasta elastica. Riporre in frigo per almento 30 minuti.

Nel frattempo pulite le mele e pesatene 70 gr di polpa. Tagliatela a cubetti e irrorate di limone. Tagliare i datteri, le noci e il cioccolato in pezzi piccoli e aggiungete alle mele. Aggiungete successivamente lo zucchero, la marmellata, il pan grattato e la cannella e miscelate bene.

Ora stendete la pasta in una sfoglia sottile . Io l'ho stesa con la nonnapapera al n.4. Foderate gli stampini con la pasta e riempite di farcia aggiungendo una noce di burro. Chiudete con altra pasta e sigillando bene i bordi rifilate togliendo la pasta in eccesso. Spennellate di albume sbattuto.

Cuocete a 180 per circa 20-25 minuti.

Preparate la glassa facendo cuocere a fuoco lento lo zucchero con l'acqua fino a che versando una goccia di sciroppo in acqua fredda formerà un agglomerato morbido.

Montate nel frattempo l'albume a neve ben ferma e quando lpo sciroppo sarà pronto versare a filo sempre montando con le fruste negli albumi. Montare fino a che il composto non diventerà bianchissimo e sodo. Spennelare con la cappa i dolcetti e decorare con diavoletti colorati. Lasciare asciugare la glassa per qualche ora e servire.

6 commenti:

Simo ha detto...

Che bella idea, bravissimo!

ROBERTO ha detto...

grazie mille ciao

JAJO ha detto...

Compimenti Roberto, proprio una bella variante (che ricorda molto alcuni dolci sardi :-D).
Jacopo

Barbara ha detto...

Considerato che lo strudel classico (che adoro) non lo faccio mai perchè mi spaventa stendere la pasta sottile sottile... questo è decisamente delizioso e perdipiù alla mia portata, grazie!

*PhAbYA* ha detto...

...ma sbaglio o ti sei "rivenduto" la cappa dei papassini...?!

phabya

ROBERTO ha detto...

a...
ho visto ora chi sei...ti sei offesa per la storia del contenst?? Comunque si è proprio la cappa dei papassini...e perchè non utilizzarla per altro..e poi diciamo che quasi tutti i dolci sardi hanno quasta cappa..e quindi chi dice che non la posso utilizzare!!!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget