giovedì 14 dicembre 2017

PANETTONE ALLA POMPIA CANDITA " DURCHE SARDIGNA" ® DI ROBERTO MURGIA



Eccomi tornato dopo lunga assenza dal blog. Putroppo il tempo a disposizione è nullo e per questo motivo il blog è stato praticamente abbandonato. Nonostante ciò ho voluto aprire questo post per parlavi del mio panettone alla pompia candita e perle cremose di mandorle.

 Lo ricordate? 

E' un panettone che ho ideato nel 2012 e nel 2013 e postato su i vari social (qui sopra la foto che lo ritrae nel 2013 e il suo logo ideato da Paola Cassano delle sognatrici).

 Lo produco da anni, da un pò di tempo è un marchio registrato e già in vendita nel mio laboratorio ad Alghero da 2 anni. 
E' il primo panettone alla pompia candita e perle cremose di mandorle in commercio (mi riferisco alle vendite in modo legale). 
Si tratta di un panettone preparato con pasta madre viva senza nessun tipo di additivo o miglioratore preparato solo con farina di qualità, tuorli, zucchero e burro belga. La pasta è aromatizzata con scorza di agrumi (pompia, limone e arancia) , vaniglia bourbon e zafferano di san gavino monreale. La farcitura è a base di Pompia candita nel miele, perle cremose di mandorle (dell'azienda mandorle di sardegna , tuili ) e uvetta. Il panettone infine è ricoperto da una glassa alle mandorle e da mandorle non pelate.

Ma andiamo in ordine... Voi sapete cosa è la Pompia? 
Ecco la Pompia (citrus moustrosa) è un agrume endemico della sardegna diffuso nel territorio della baronia e in particolare nei comuni di Siniscola, Posada, Torpè e Orosei. Si tratta di un agrume dalla buccia rugosa e da un albedo molto spesso con un gusto estremamente aspro e amaro che viene consumato solo dopo pelatura e previa canditura dell'albedo nel miele. Da questo se ne ricavano due dolci tipici "sa pompia intrea" e "s'aranzada de pompia" . Il primo è il frutto candito nel miele e successivamente riempito di mandorle tostate, il secondo invece prevede il taglio dell'albedo in sottili striscioline che poi candite nel miele e arricchite con mandorle tostate vanno a formare s'aranzada. Dalla buccia invece si ottine un ottimo liquore.
La preparazione di questo candito richiede diverse ore di lavoro. Il frutto va prima pelato,svuotato per eliminare la polpa e successivamente cotto nel miele per 4/5 ore. 

 Questo è il magnifico candito che arricchisce i miei panettoni . Tutte le fasi citate prima avvengono nel mio laboratorio. 
Qui sotto potete vedere alcune foto della lavorazione dei frutti fatta nel mio laboratorio e del panettone (dal lievito madre al prodotto confezionato) .
 A presto :) 

Vi ricordo che potete trovarlo nel mio laboratorio ad Alghero in via marconi 11 .


Frutto della pompia (citrus mostruosa) 

  
Pompia in cottura nel miele

 Pompia candita

Pasta madre viva 

Ingredienti prondi per il secondo impasto 

 2° impasto fase di inserimento della farcitura

Impasto pronto per lo staglio

Pre-pirlatura




Panettoni alla pompia candita "Durche Sardigna" in cottura



Io :D
 Foto di Francesco Pruneddu
Foto di Francesco Pruneddu 


 Confezione esaclusiva del panettone "Durche Sardigna" realzzata a mano dall'artigiano ricamatore Giuseppe piroddu.






Nessun commento:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget