sabato 30 gennaio 2010

FRITTURA ARABA CON RICOTTA



Da non confondere con le classiche Tzipulas Sarde tradizionali!!


Ingredienti:
  • 1 kg di farina manitoba (supermercato)
  • 400 gr di ricotta
  • 650 / 750 gr di latte tiepido
  • 50 gr di vodka
  • 25 gr di zucchero
  • 25 gr di burro morbido
  • 3 uova
  • 15 gr di sale
  • 35 gr di lievito di birra fresco
  • 2 bustine di vanillina
  • 5 Arance grattugiate
  • 2 fialette di aroma rum
Procedimento:
Versare nella ciotola dell'impastatrice la ricotta e o zucchero. Lavorate con la frusta fino a renderla cremosa. Aggiungete un poco di latte e lavorate ancora fino ad ottenere una crema densa ma liscia.
Sciogliete il lievito in parte del latte rimasto e aggiungetelo alla "crema" di ricotta.
Versate metà della farina nella ciotola e impastate con la foglia a velocità 1 fino ad avere amalgamato bene. Aggiungete piano piano il latte messo da parte (non mettetelo tutto subito). Aggiungete la farina messa da parte e ancora latte a poco a poco. Impastate a velocità 2 per 10 minuti circa.
Passati i minuti aggiungete una alla volta le uova facendo assorbire bene tra una e l'altra. Versate i 50 gr di vodka, il rum, e la vanillina. Impastate ancora a vel. 2 sempre con la foglia. Se necessario aggiungete ancora latte. Lasciate incordare bene !
Per il latte vi dovete regolare voi in base all'assorbimento della farina...
é probabile che tutto sia troppo ma anche che sia poco. Dovete ottenere un impasto morbido ed allo stesso tempo elastico.
Aggiungete il burro morbido a pezzette a fate assorbire bene. In ultimo aggiungete il sale e la scorza di arancia.
Lasciate impastare a lungo fino a che l'impasto risulterà lucido, perlaceo e si stacchera completamente dai bordi della ciotola.
Una volta ottenuto un impasto elastico e lucido. Coprite la ciotola e lasciatelo lievitare fino al raddoppio.
Quando l'impasto è lievitato. Scaldate l'olio.
Sgonfiate l'impasto con le mai.
Versate un po' di impasto nel sac a poche con beccuccio liscio da circa 1,2 cm di diametro.
Per friggerle procedete in questo modo:
Impugnate in una mano il sac a poche e nell'altra un mestolo di legno.
Inziate a spremere la sacca dal centro e con un movimento circolare spostatevi verso l'esterno ( da centro verso l'esterno) in modo tale da creare una lunga frittella arrotolata a chiocciola. Mentre spremete sistemate l'andamento della spirale con un manico di mestolo facendo in modo che la frittella si arrotoli in modo "stretto".
Mettete poco impasto alla volta nel sac a poche in modo tale che non lieviti al suo interno!!
Fate dorare da una parte e rigiratela facendo dorare anche l'altra parte.
Scolare su carta assorbente e lasciate freddare! Passate nello zucchero semolato.

domenica 24 gennaio 2010

CASTAGNOLE CON ROBIOLA







Un classico dei fritti carnevaleschi. Piccole palline morbide che si sciolgono in bocca. La pasta con il riposo in frigo acquista profumi e sapori e il risultato finale è più morbido e a mio parere buono. 
La Robiola nell'impasto le rende ancora più soffici!

Ingredienti:
  • 500 g di farina 00 W 240/ 260 ( oppure 400 gr di farina 00 classica e 100 farina manitoba da supermercato)
  • 2 uova intere M
  • 1 tuorlo
  • 150 g di formaggio spalmabile tipo Robiola o Mascarpone
  • 100 g di zucchero
  • 80 g di burro morbido
  • 2 cucchiai di liquore all'anice mistrà oppure altro alcolico
  • La scorza grattugiata di 2 limoni e 1 arancia
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
Procedimento:

Lavorare leggermente le uova con lo zucchero in modo tale da rendere l'impasto più liscio.
Aggiungete il formaggio, il liquore e le scorze degli agrumi e miscelate.
Aggiungere la farina con la vanillina e impastate fino a rendere l'impasto omogeneo. Aggiungete in ultimo il burro morbido (non sciolto) e il sale impastate in modo da ottenere un impasto abbastanza liscio.
Dovrete ottenere un impasto simile ad una frolla morbida(se necessario aggiungete un poco di latte)
Raccogliete la pasta a palla e mettetela dentro una bustina di cellophane ben chiusa.
Fate riposare la pasta per 12 ore in frigo sopra un piatto.
Superate 12 ore togliete la pasta dal frigo e aggiungete il lievito impastandola velocemente.
Spezzatela in più pezzi. 
Create con ogni pezzo di pasta un filoncino lungo e spesso 2/ 2,5 cm .
Tagliatelo a tocchetti e create delle piccole palline della dimensione di una nocciola.
Nel frattempo scaldate l'olio fino a 180° C in una padella larga e dai bordi alti. 
Tuffatele nell'olio caldo ( in numero tale da ricoprire la superficie della padella) per alcuni minuti girandole spesso.
Quando risulteranno dorate per bene scolatele sulla carta assorbente e lasciate freddare.
Sistemate tutte le castagnole in una grande teglia e irroratele di Alchermes facendo roteare la teglia in modo da bagnarle un pochino su tutta la superficie.
Una volta irrorate con l'Alchermes passatele in un'altra teglia o piatto con poco zucchero sempre facendole roteare.
In ultimo spolverate di zucchero a velo.

P.S. Potete anche inserire il lievito direttamente prima del riposo in figo anche se questo perde forza con il riposo. 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile.Infine è vietata la riproduzione dei contenuti di questo blog, senza l'autorizzazione dell'autore.
Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget